Evoluzione del trucco dalla prestoria ad oggi ad oggi

“Nella preistoria l’arte del trucco o meglio del tatuaggio era collegata a riti religiosi o di caccia più che ad aspetti puramente estetici. È interessante notare come questi riti fossero praticati quasi esclusivamente dagli uomini che praticavano la caccia; le donne, invece, che si spostavano meno, erano più protette e non avevano bisogno di decorarsi viso e corpo. Le motivazioni però non erano legate solo alla caccia, ma anche all’uso di composti per proteggere la pelle dal clima troppo freddo o troppo arido; i pigmenti, spesso di origine vegetale, venivano mescolati al grasso animale e spalmati in punti strategici di viso e corpo. Osservando i disegni sulle grotte possiamo intuire che si utilizzassero il rosso, il giallo e il nero. Nel   periodo   protostorico, intorno al 7.000 a.C., fiorì la popolazione dei Sumeri che davano grande importanza ai cosmetici. Per capirlo basta osservare le loro opere che sono molto dettagliate e precise: occhi, sopracciglia, ornamenti, diventano visibili e decorati con diversi materiali e pietre dai colori brillanti. I loro cosmetici erano composti da piombo bianco, rosso vermiglio, pigmenti vegetali mescolati a grassi animali contenuti in vasi di pregevole fattura.”

E’ l’inizio del libro “Evoluzione del trucco dalla preistoria ad oggi scritto da Yoseph Occhipinti, sotto puoi scaricare il libro in pdf.

Scarica il libro

Evoluzione del trucco
Vieni a trovarci su: